Cosa sono gli scenari critici standard S4?

Scenari Critici Standard S4 - ProjectEMS

Avete bisogno delle operazione specializzate non critiche per lavorare sopra cantieri o infrastrutture lineari? Non preoccupatevi, ENAC ha introdotto da pochi mesi i nuovi scenari critici standard per rendere la procedura di autorizzazione più semplice e rapida.

Con questa autorizzazione non è in ogni caso possibile sorvolare persone se non facenti parte delle operazioni. Questi scenari standard sono previsti solo per i droni sotto i 25kg gli scenari sono divisi per fascia di peso.

Gli scenari critici standard S4 riguardano l’impiego di APR di massa operativa al decollo minore o uguale a 4 kg che non possiedono le caratteristiche di inoffensività di cui all’art. 12 (del regolamento attuale sui mezzi aerei a pilotaggio remoto) in area extraurbana su cantieri o infrastrutture lineari quali ad esempio autostrade, elettrodotti, ferrovie, gasdotti.

Dove posso trovare i riferimenti normativi?
Potete trovare i documenti riguardanti gli scenari critici standard S3 nella sezione normativa alla “Nota Informativa NI-2017-007 del 17 maggio 2017” che illustra tutti gli scenari standard per le operazioni specializzate critiche.

Scenari critici standard S4

Cosa dice la normativa a riguardo?

AMBIENTE OPERATIVO:
Rilievi su cantieri in aree extraurbane e rilievi su infrastrutture lineari (e.g. autostrade, elettrodotti, ferrovie, gasdotti) che non prevedono il sorvolo di persone nell’area delle operazioni a meno che non siano addestrate allo scopo.

APPLICABILITA’:
APR di massa operativa al decollo minore o uguale a 4kg che non possiedono le caratteristiche di inoffensività di cui all’art.12.

PRESCRIZIONI TECNICHE:

  • Luci di riconoscimento dell’APR anteriore/destra verde, anteriore/sinistra rossa e posteriore bianca nel caso di VLOS notturno

LIMITAZIONI OPERATIVE PER LA CONDUZIONE DELLE OPERAZIONI:
Condizioni di volo: VLOS
Altezza massima: 150m VLOS diurno / 50 m VLOS notturno
Distanza massima orizzontale dal pilota: 500m VLOS diurno / 100 m VLOS notturno
Velocità massima: 5 m/s
Velocità massima del vento: 5m/s
Dimensione minima di buffer: 30m (da infrastrutture esterne)
Dimensione minima del buffer con funzione “geofencing” attiva: 15 m
N.B: La funzione geofencing è conosciuta anche con il nome Gabbia Virtuale o Limiti.
Dimensione minima del buffer per operazioni con cavo: 5 m
N.B: Per chi necessità di un buffer ristretto è possibile effettuare le operazioni anche con cavo di ritenzione idoneo all’utilizzo con il mezzo.

CONDIZIONI:
Le operazioni devono essere condotte:

  • in accordo alle previsioni del manuale delle operazioni ed alle pertinenti istruzioni d’uso del costruttore,
  • da pilota in possesso delle appropriate qualificazioni,
  • in accordo alle regole di circolazione e utilizzo dello spazio aereo.

E’ responsabilità dell’operatore verificare l’esistenza di eventuali restrizioni di volo per le aree interessate dalle operazioni.

Il presente articolo è stato scritto il 07-08-2017.

Button Acquista Documentazione - ProjectEMS