DJI Phantom 4 Pro vs DJI Spark

DJI Phantom 4 Pro vs DJI Spark

DJI Phantom 4 Pro VS DJI Spark - Scheda Tecnica - ProjectEMS

In questo articolo vedremo un breve confronto tra due grandi droni che hanno fatto la storia del 2017: Il DJI Phantom 4 Pro VS il DJI Spark.

DJI Phantom 4 Pro vs DJI Spark: DJI Phantom 4 Pro

DJI Phantom 4 Pro vs DJI Spark - DJI Phantom 4 Pro - ProjectEMS

Il drone DJI Phantom 4 Pro è sicuramente tra i droni più interessanti e migliori di quelli disponibili sul mercato. Il Phantom 4 Pro è di nuovissima produzione essendo stato presentato durante l’IFA di Berlino e commercializzato dalla fine dello scorso settembre. Il Phantom 4 Pro introduce diverse novità rispetto agli altri modelli della serie.

Design

Innanzitutto partiamo dal design, molto elegante ed essenziale, realizzato con una finitura esterna molto particolare di colore ossidiana opaco, elegante quanto professionale. I primi modelli di questo drone sono stati realizzati con alcune parti in magnesio, ma DJI ha poi comunicato di aver abbandonato questa scelta per i droni successivi.

Caratteristiche tecniche

Uno degli aspetti che merita più attenzione è la Camera 4K che permette riprese video a 100fps alzando l’asticella delle prestazioni che, nei droni della linea Phantom 4, arrivavano fino ai 60fps. Questa nuova camera ha un sensore CMOS da 20 megapixel con una lente con un otturatore meccanico (anche questa è una novità) risolvendo definitivamente il problema della distorsione delle immagini durante le riprese ad alta velocità. Anche per il range dell’ISO sono stati introdotti dei cambiamenti con l’intervallo che va da 100 a 3200 (riprese automatiche) e da 100 a 6400 (riprese manuali)
Le altre novità che caratterizzano il DJI Phantom 4 Pro riguardano il sistema Intelligent flight battery che aumenta la capacità della batteria offrendo un’autonomia maggiore. Troviamo novità anche nel controller che permette di operare su frequenze diverse aumentando anche la distanza di pilotaggio che arriva a 7km.
Potenziata anche la capienza della memoria del DJI Phantom 4 Pro che ora supporta schede MicroSD fino a 128GB per memorizzare tutti gli scatti e le riprese realizzate.

Prestazioni di volo

Il sistema Flight Autonomy System permette al DJI Phantom 4 Pro di rilevare gli ostacoli in una distanza di 30 metri in cinque differenti direzioni. L’esperienza di volo è ottima e anche in questo caso perfezionata rispetto alla versione precedente.

Scopri qui la nostra recensione completa

DJI Phantom 4 Pro vs DJI Spark: DJI Spark

DJI Phantom 4 Pro vs DJI Spark - DJI Spark- ProjectEMS

Il lancio del drone DJI Spark ha suscitato molto clamore e attenzione, soprattutto per l’unicità di permetterne il controllo semplicemente con i movimenti (gesture) senza l’utilizzo di app dello smartphone o di un telecomando dedicato. In Italia inoltre ha rivoluzionato il mondo dei SAPR professionali, in quanto alleggeribile a 300g e quindi rientrante nella categoria dei droni inoffensivi.

Design

Il DJI Spark ha un design che lo fa sembrare un piccolo giocattolo. Ha diverse colorazioni disponibili (Bianco, Blu, Giallo, Rosso e Verde), ma grazie al peso piuma e alla possibilità di alleggerirlo con appositi Kit d alleggerimento DJI spark, è il drone perfetto per essere riconosciuto in Italia come drone inoffensivo da 300g.
ATTENZIONE: Il DJI Spark come uscito dalla fabbrica non è idoneo al riconoscimento nella categoria di cui sopra, in quanto con i paraeliche supera i 300g. Per potervi rientrare è necessario alleggerirlo.

Caratteristiche tecniche

Nel DJI Spark troviamo un gimbal meccanico a due assi con tecnologia UltraSmooth che riduce le vibrazioni e l’effetto rolling degli otturatori. L’obiettivo della camera è quadrangolare con sensore CMOS da 1/2.3 pollici per riprese video a 1080p e foto con una risoluzione massima di 12MP. Permette un volo fino a 30 metri con rilevazione degli ostacoli fino a 5m di distanza grazie ai sensori visivi GPS dual Band, VPS e IMU.
Caratteristica interessante è quella per il controllo tramite gesture senza il controller o l’app dello smartphone. Il DJI Spark per ora, nel momento in cui stiamo scrivendo l’articolo, è l’unico ad avere questa funzione ma al momento è ancora un sistema in via di sviluppo, uscito da pochi mesi. Con i movimenti della mano non è infatti possibile avviare la registrazione dei video e molte altre funzioni.

Prestazioni di volo

Sul drone DJI Spark sono presenti diverse modalità di volo intelligenti per facilitare il controllo del mezzo. Il DJI Spark può raggiungere una velocità di 50Km/h e garantisce un’autonomia di 16 minuti; la batteria è dotata di un sistema intelligente a 12 livelli capace di stimare sull’APP il tempo di volo residuo.
Durante il volo è possibile trasmettere video in HD tramite WiFi fino a 2km di distanza e seguire lo streaming grazie alla funzione FPV. È inoltre integrata la funzione Return To Home (RTH) e il sistema GEO per conoscere le No-Fly Zone.

Scopri qui la nostra recensione completa.

DJI Phantom 4 Pro vs DJI Spark: Conclusione

Dovendo trarre una conclusione bisogna specificare che il confronto tra il drone DJI Phantom 4 Pro e il drone DJI Spark è piuttosto articolato da realizzare in quanto si tratta, partendo anche dalle evidenti differenze di prezzo, da due velivoli di categoria differente.
Il DJI Phantom 4 Pro è chiaramente un drone professionale, ottimo nel suo insieme che non ha nulla da invidiare agli altri modelli, anche della concorrenza; discorso diverso invece per il DJI Spark: un ottimo gioiellino concentrato di tecnologia che offre la possibilità di rientrare nella categoria dei SAPR inoffensivi da 300g.

Potete scoprire dove volare con i 300g, e come richiedere permessi per volare anche in ATZ e No-Fly-Zone.

 

Banner Videocorso Gratuito Lavoro con i Droni