Guida a Arduino UNO

Guida Arduino UNO

Guida Arduino Uno - ProjectEMS
Cos’è Arduino UNO? A questa semplice domanda è spesso difficile dare una risposta chiara e immediata, soprattutto se ci si trova di fronte ad un neofita dell’elettronica. Spesso la soluzione migliore sta nel dire prima di tutto che cosa fa Arduino Uno.

Facile come fare un caffè

Arduino Uno è una scheda elettronica contenente un componente particolare, detto microcontrollore, che è in grado di effettuare operazioni complesse e di gestire input ed output. Schede di questo tipo sono disseminate ovunque, e spesso le utilizziamo senza nemmeno accorgercene. L’esempio più diretto è il distributore automatico del caffè: al suo interno è montata una scheda con un microcontrollore in grado di gestire tutti i segnali provenienti dall’esterno (input) e di comandare tutte le azioni da svolgere (output). I dispositivi di input consistono in questo caso nei pulsanti, attraverso i quali selezioniamo la bevanda e la quantità di zucchero, e nel lettore di monete. Quelli di output invece sono il display, attraverso il quale leggiamo l’importo e altre informazioni sulla bevanda, unito al meccanismo che prepara la bevanda e al il sistema di erogazione del resto. La scheda elettronica del distributore riesce a gestire tutti questi dispositivi seguendo una lista di istruzioni caricate al suo interno.

Cosa fa Arduino Uno?

Con l’esempio del distributore di caffè ora possiamo capire senza problemi cosa è Arduino Uno: una scheda con un microcontrollore integrato, in grado di gestire input e output a seconda delle istruzioni che vi si caricano al suo interno. Il vantaggio di Arduino Uno rispetto alle classiche schede utilizzate dagli ingegneri specializzati è la possibilità di utilizzare svariati input ed output, senza bisogno di conoscenze pregresse di elettronica e prototipazione. Possiamo implementare luci (led), suoni (speaker e buzzer), attuatori (motori) e sensori di qualsiasi tipo (umidità, temperatura, luce ecc.), caricando le istruzioni per la loro gestione grazie ad un software semplice da utilizzare (Arduino IDE). L’unico limite di Arduino è la fantasia di chi lo usa: grazie ad esso è possibile realizzare robot, sistemi di monitoraggio, applicazioni di domotica, Internet of Things, giochi e addirittura droni e satelliti.
Guida Arduino Uno Vista Lato - ProjectEMS

Open source per veri maker

Oltre alla facilità di utilizzo, un altro punto di forza di Arduino Uno è l’essere un progetto open source: chiunque può accedere liberamente agli schemi elettrici della scheda e al software di programmazione. Questo ha permesso la nascita di molte altre schede, dette “cloni”, con caratteristiche aggiuntive o più minimali. Grazie all’open source, la comunità degli utilizzatori di Arduino e in generale dei maker (l’equivalente inglese di “smanettoni” tecnologici) è cresciuta in modo esponenziale negli ultimi anni. Chiunque può contribuire alla sua crescita pubblicando online i propri progetti e condividendo codici e circuiti. Questo spiana ulteriormente la strada a chi vuole avvicinarsi ad Arduino Uno; è sufficiente digitare la parola “Arduino” su un qualsiasi motore di ricerca per rendersi conto della sua diffusione incredibile in tutto il mondo.

Rivoluzione made in Italy

Prima di cominciare l’avventura, è bene ricordare una caratteristica importante di Arduino, ovvero la sua origine italiana. Arduino è un progetto ideato e realizzato da alcuni membri dell’Interaction Design Institute di Ivrea, tra cui Massimo Banzi. Fu concepito dieci anni fa come strumento di sviluppo per scopi hobbistici, didattici e professionali. Il nome della scheda deriva da quello del bar frequentato dai fondatori del progetto. Il successo del progetto, unito al seguito di entusiasti sparsi in tutto il mondo, deve essere motivo di vanto per noi italiani appassionati di tecnologia e non solo.

I primi passi nella comunità

Guida Arduino Uno Progetti - ProjectEMS
Ora che abbiamo le idee un po’ più chiare su cos’è Arduino, da dove cominciamo? La rete ormai straripa di pagine sull’argomento, ma spesso ciò si rivela essere un’arma a doppio taglio per i nuovi arrivati: ovunque troviamo kit con centinaia di componenti, magari a prezzi stracciati, che promettono di condurci alla realizzazione di Space Shuttle senza intoppi. La maggior parte delle volte soluzioni di questo tipo si rivelano affrettate e confusionarie. Come fare? La cosa migliore è affidarsi alla comunità: i canali ufficiali sono sempre i più attendibili, perciò un giro nel forum ufficiale di Arduino oppure nell’omonima pagina Facebook vi permetterà di entrare in contatto con persone appassionate e con una lunga esperienza alle spalle, unita a pazienza e disponibilità.

E’ giunto il momento di dare vita alle tante idee rimaste per anni nel cassetto, buon divertimento con Arduino Uno!